Botta e risposta, i rigori premiano le Lucertole

24/01/2019

VIS NOVA-SARNICO 1-1 (6-5 dcr).

RETI: 20’ Babani (S), 19’st Schiavo (V).

VIS NOVA (4-3-3): Dono, Pozzoli, Di Pentima, Pozzi, Iorino, Rovelli, Molteni, Sormani, Belluzzi, Schiavo, Allegretti. A disp. Cantatore, Lanfranco, Barrese, Abbiati, Ballabio, Frigerio, Sala, Zatti. All. Morgandi.

SARNICO (4-3-3): Avanzini, Fratus, Colombi, Lorandi, Ceribelli, Zanini, Marchetti, Berardo, Tereziu, Suardi, Babani. A disp: Laini, Del Prete, Martinetti, Scarsi, Hoefer. 

All. Magri. 

ARBITRO: Agazzi di Milano.

ASSISTENTI: D’Amato di Milano e Russo di Milano. 

AMMONITO: Fratus (S)

La prima gara della XXXIX Edizione del prestigioso torneo Annovazzi non delude le attese: subito un match equilibrato condito da bel gioco e ricco di occasioni. Dopo otto minuti di sostanziale equilibrio il Sarnico cerca fortuna su palla inattiva, la girata di prima intenzione di Marchetti si perde però sul fondo. Risponde la Vis Nova con Sormani che ben imbeccato da Pozzoli manda fuori di poco. I Sebini cercano di gestire il possesso, ma sono le Lucertole a rendersi pericolose con Rovelli che cerca di sorprendere Avanzini da distanza siderale, coraggioso ma impreciso. Clamorosa chance per i monzesi che servono Belluzzi lanciato a rete: fondamentale il salvataggio in extremis di Zanini che salva i suoi. Sul ribaltamento di fronte il Sarnico sblocca il match: Babani, servito da un assist al bacio di Suardi, batte Dono con un diagonale chirurgico, 0-1. Galvanizzato dal gol, l’attaccante orobico sfiora nuovamente la rete pochi minuti dopo, ma Dono si supera e dice no, mandando i suoi negli spogliatoi sotto di una sola lunghezza. Avvio di ripresa che non presenta cambi di canovaccio: Vis Nova che prova a conquistare metri con il giropalla, Sarnico che si affida alle ripartenze di un ispirato Babani. L’11 bergamasco trova anche il raddoppio al 7’, ma la bandierina dell’assistente annulla per fuorigioco. I neroverdi ci credono e premono sull’acceleratore alla ricerca del pari: occasionissima per Schiavo che nel cuore dell’aria avversaria va a un passo dall’1-1. Il momento è propizio e al 19’ arriva il gol brianzolo: questa volta Schiavo è freddo e fulmina Avanzini con un preciso destro all’angolino. Il finale è rovente, entrambe vogliono evitare i tiri dal dischetto. Miracoloso Dono che vola a respingere la punizione insidiosa calciata da Scarsi; sul fronte opposto Avanzini è chiamato agli straordinari dalle punte di Morgandi. Il risultato regge fino al triplice fischio, prolungando la sfida ai calci di rigore. La lotteria dei penalties premia la Vis Nova, che si regala un’altra presenza alla Bracco Cup. Saluta a testa alta il Sarnico di Magri. 

Alessandro Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.