Gol e spettacolo, avanza il Novara

07/03/2019

Novara-Atalanta 3-2
Reti (2-0, 2-1, 3-1, 3-2): 10’ Manè (N), 21’ Vacca (N), 9’ st Perego (A), 30’st Federico (N), 32’ st Coati (A)

Novara (4-3-1-2): Fuscaldo, Usardi, Peradotti, Speroni, Rodolfo, Manè, Vidhi, Hu, Vacca, Federico, Gentile. A disp: Giroletti, Bracchi, Grassia, Zampese, Pellegrini, Sartor, Giugno, Acquilino, Italiano. All. Esposito.

Atalanta (4-3-1-2): Sala, Tornaghi, Sirono, Scrivanti, Coati, Grumo, Palestra, Comi, Cenetti, Vavassori, Perego. A disp: Illipronti, Mattiello, Manzoni, Orlando. All. Gambirasio

Arbitro: Finati di Treviglio.
Assistenti: Jemouh di Treviglio e Houjjaji di Treviglio.

Entra nel vivo il girone professionistico del Torneo Annovazzi che regala un’altra partita di cartello, quella tra Atalanta e Novara. Il risultato cambia già dopo pochi minuti, precisamente al decimo. Manè si avventa su un palla vagante in area e sigla il vantaggio azzurro. La Dea tiene bene il campo e costruisce con cognizione ma Il Novara è più propositivo e pericoloso. Come al 16’ quando Vacca è bravo a sfuggire sull’out di destra e a calciare. La palla si alza però troppo e finisce sul fondo. L’Atalanta non sta però certo a guardare e prova con costanza a trovare la via del gol. Ci vuole un super Fuscaldo a chiudere con la saracinesca dopo una prepotente mischia in area. Come detto i piemontesi sono però fulminanti in contropiede e proprio su un’azione di ripartenza riescono a trovare il raddoppio con una rasoiata ad incrociare di Vacca. Al 9’ della ripresa l’Atalanta accorcia le distanze con Perego e col suo bel tiro al volo dopo un batti e ribatti con la difesa avversaria. L’Atalanta cresce e spinge per pareggiare. Al 20’ Vavassori ha sui piedi la palla buona ma la conclusione si stampa sulla traversa. Due minuti più tardi il cross di Scrivanti incontra l’uscita dell’estremo difensore piemontese. La palla resta però in mezzo all’area e diventa una ghiotta occasione per Palestra che smorza troppo tirando a lato. Proprio durante la spinta orobica, il Novara trova la forza di riaffacciarsi in avanti e di trovare un calcio di rigore. Dagli undici metri Federico è impeccabile e sigla il tris. Gara finita? Neanche per scherzo. Tempo di rimettere in gioco la palla che i nerazzurri trovano con Coati il gol che infiamma il finale. I bergamaschi hanno sui piedi, o meglio sulla testa, la palla che vorrebbe dire calci di rigore ma l’incornata di Cenetti esce di pochissimo. Finisce quindi così, con il Novara di Esposito che avanza nel torneo.

Luca Mondini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.