Crevacore Regina! La Corona è nerazzurra

11-04-2019

INTER-MILAN 2-1

Reti: 16’ Crevacore (I), 12’st Avallone (M), 3’tt Crevacore (I).

INTER (2-3-2): Melcore, Pession, Zappettini, Indomenico, Fico, Pulacini, Toffano, Contena. A disp: Gallazzi, Congiunti, Bianchi, Cochis, Crevacore, Thomopoulou. All. Bruzzano.

MILAN (2-3-2): Beka, Morin, Semplici, Aprile, Nano, Meazza, Sperduto, Orsenigo, Avallone. A disp: Dal Brun, Bacullo, Alberti, Premoli, Ronchetti. All. Mazza.

ARBITRO: Romanelli di Milano.

Serata di adrenalina ed emozioni, la Woman’s Football Bracco Cup arriva all’atto finale con il match più atteso: il derby meneghino tra Inter e Milan. La gara rispetta le attese della vigilia e si mostra vivace e divertente già dal calcio d’inizio. Primo squillo rossonero al 3’ con Bacullo che controlla spalle alla porta, si gira in un fazzoletto e chiama Melcore al grande intervento di piede. Risposta della Beneamata affidata al destro di Zappettini: l’esterno prepara al meglio la conclusione ma la sua rasoiata non inquadra lo specchio. L’Inter alza il baricentro alla ricerca del vantaggio, che al 16’ si concretizza: lancio insidioso dalle retrovie, Beka calcola male i tempi dell’uscita e spalanca la porta a Crevacore che deve solo appoggiare in rete, 1-0. Il gol incassato non demoralizza le ragazze di coach Mazza che cercano la reazione immediata: il tentativo di Avallone è potente ma centrale, Melcore blocca in due tempi. Dopo soli dieci secondi della seconda frazione, brivido freddo lungo la schiena dell’estremo difensore nerazzurro che su rinvio regala palla a Sperduto: colpo di tacco del centravanti destinato a perdersi in rete, se non fosse per l’intervento provvidenziale di Toffano che in spaccata evita l’1-1. Il Milan preme e sfiora il pari a più riprese: Nano non arriva per questione di centimetri all’appuntamento con il tap-in vincente, Premoli colpisce un clamoroso incrocio dei pali su punizione. La rete del Diavolo è nell’aria e matura al 12’: inserimento vincente di Avallone che schiaccia di testa e firma il pareggio. L’Inter è in balia dell’avversario, solo il legno salva le Bruzzano Girls: protagonista ancora Avallone che svetta più in alto di tutte ma coglie la traversa. Si va all’ultimo stop sull’1-1, il terzo atto sarà decisivo per incoronare la nuova regina. Mister Bruzzano nell’intervallo riorganizza le idee nerazzurre e l’Inter rientra in campo con una diversa determinazione. Bastano tre giri di lancetta per ritrovare il vantaggio: strepitosa la giocata di Crevacore che si coordina alla perfezione e supera Beka con un destro secco, doppietta per lei e 2-1. Nel finale il Milan si getta all’attacco senza badare troppo a schemi, le nerazzurre difendono il prezioso risultato con le unghie e con i denti. A cinque minuti dal termine il Diavolo ha l’occasione della vita per il 2-2: sembra tutto facile per Bacullo che dall’altezza del dischetto calcia a colpo sicuro, trovando un’autentica prodezza di Bianchi, che di puro istinto nega il pareggio alle rivali. È la parata che vale la competizione: il triplice fischio pone fine all’assedio rossonero e scatena la festa in casa Inter. Le nerazzurre sollevano il trofeo per la prima volta nella storia della competizione, succedendo a Real Meda e Atalanta.

Alessandro Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.