Sempre presenti: Stringhini e Bonari raccontano le attività di FCD Enotria

15-02-2021

Sempre presenti. Queste due semplici parole sintetizzano al meglio la gestione da parte di tutti i membri di casa Enotria di questi ultimi mesi, vissuti in maniera diversa dalle consuetudini, ma con il medesimo spirito di partecipazione.

Ad illustrare il programma svolto a partire dall’ingresso della Lombardia in zona rossa dello scorso novembre ci ha pensato il nostro Direttore Sportivo, Giovanni Stringhini: “Innanzitutto, desidero ringraziare sinceramente tutti i componenti parte di FCD Enotria, tecnici, istruttori, staff infermieristico e Segreteria: senza il prezioso contributo di ciascuno, tutto ciò che è stato messo a disposizione dei nostri atleti non sarebbe stato possibile. Nella fase iniziale, quando siamo stati costretti a tenere chiuso il Centro Sportivo, ci siamo adoperati affinchè si mantenessero costanti i contatti con i ragazzi, attraverso diverse videocall settimanali e sessioni di allenamento online. Con l’entrata della regione in zona arancione e successivamente in zona gialla, ci siamo fatti trovare pronti, riprendendo l’attività degli allenamenti nel pieno rispetto della sicurezza e dei protocolli. Una menzione speciale va a tutti gli allenatori: abbiamo dedicato quanto più tempo ai nostri giocatori, cercando di trattare ogni categoria allo stesso modo, senza alcuna distinzione, riservando la stessa importanza ad Allievi e Primi Calci. Diluendo gli orari, è stato possibile consentire ad ogni gruppo di allenarsi con i consueti ritmi settimanali, inoltre è stato aggiunto per tutte le categorie il sabato. Ripeto, un grazie di cuore a tutte le persone che si sono fatte in quattro e che continuano a farlo per garantire queste opportunità ai ragazzi”.

A fare da eco ai ringraziamenti del DS, le parole di Daniele Bonari, Responsabile dell’Attività di Base rossoblù: “Mi associo a quanto già detto da Giovanni, l’equipe di lavoro è stata ed è ogni giorno fondamentale, davvero un’organizzazione esemplare”. Bonari si è poi soffermato maggiormente sul settore che a lui fa riferimento: “Sono molto contento di come è stata affrontata la fase di distanza forzata dai campi di gioco: i nostri istruttori sono stati disponibili e ricchi di inventiva, cercando di essere costantemente interattivi con i bambini: sono stati organizzati quiz, giochi e anche esercizi da svolgere durante le videocall. Per quanto questo periodo abbia segnato tutti inevitabilmente, devo dire che porterò sempre un bel ricordo di come è stato affrontato da parte di tutti noi”.

E l’augurio è certamente quello che questi momenti restino solo un ricordo e che da qui in avanti si possa tornare, passo dopo passo, alla normalità.

Alessandro Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.